Ulivo di Pano Vouves e Chiesa “La Rotonda”: a spasso tra storia e natura!

Sapete da cosa è coperto per un quarto il territorio cretese? Non riuscite proprio a immaginarlo???

Ve lo diciamo noi allora: dagli ulivi.

DSCN1684Eh sì, questi magnifici alberi, che si possono definire dei “nonni del mondo vegetale” considerata l’età che possono raggiungere, regnano sovrani nelle colline e nelle pianure cretesi, offrendo ai viaggiatori panorami mozzafiato e agli isolani una fonte di sostentamento grazie al prezioso e ricercato succo dei loro frutti. Gli antichi Greci pensavano che l’olio d’oliva avesse proprietà benefiche per la salute dell’uomo e che fosse una medicina naturale contro molte malattie; ancora oggi, alcuni rappresentanti della medicina moderna raccomandano la sua assunzione per prevenire alcune malattie cardiache, tumori, diabete, impotenza, ecc. Non sappiamo se sia vero, in quanto noi abbiamo spesso sentito pareri contrari a questa teoria, ma in ogni caso, dobbiamo essere sinceri: a noi piace taaantooo!!

DSCN1646Ma perchè vi stiamo dicendo queste cose, che probabilmente già molti di voi sanno? Naturalmente per introdurvi all’ultima nostra esaltante esperienza, che ci ha portati a fare visita ad un vero e proprio avo di tutti gli ulivi del mondo: il millenario ulivo di Pano Vouves, villaggio di montagna che si trova a circa 20 minuti di auto da casa nostra. Quest’albero è davvero un fenomeno della natura: si stima che l’arzillo nonnetto abbia suppergiù la bellezza di 3000 anni e che sia uno tra i 7 ulivi più antichi del mondo, se non il più antico addirittura! Il suo tronco cavo ha un diametro di 3,70 m, un perimetro di 8 m e una peculiare e bizzarra forma che sembra una vera e propria scultura, tanto da fargli DSCN1657meritare la classificazione di “monumento” da parte della SEDIK (Associazione dei Comuni delle Olive di Creta). Ammirando questo colosso è inevitabile chiedersi cosa deve aver visto ed ascoltato nei millenni attraverso i suoi rami e chissà quali antichi sovrani o prodi guerrieri possano
aver accarezzato la sua indistruttibile corteccia…la natura non smette mai di impressionarci e di farci viaggiare con la fantasia, non è vero???

DSCN1680Lasciamo Vouves alle nostre spalle e proseguiamo per le stradine dell’entroterra cretese, cosparse di fiori e, ovviamente, di centinaia e centinaia di ulivi, per raggiungere Episkopi, dove possiamo ammirare un’altra bellezza antica, ma questa volta realizzata da braccia umane: la Chiesa dell’Arcangelo Michele, detta “La Rotonda”. Per un attimo, quando leggiamo il cartello che indica la strada, ci viene un tuffo al cuore ripensando alla nostra Rotonda (la villa palladiana vicentina), ma torniamo subito al DSCN1668presente per ammirare qualcosa di molto diverso da essa: una bellissima chiesetta bizantina, che racchiude al suo interno un mosaico pavimentale e magnifici affreschi del XII secolo e antecedenti.

Dopo qualche foto all’esterno e qualche altra “rubacchiata” dell’interno, grazie alle finestre molto basse, (*vedasi note a piè di pagina) decidiamo di avviarci verso Astrikas, un villaggio a circa 10 minuti da Episkopi, superato il quale troviamo la Gola di Delianà. Parcheggiamo l’auto in un bello spiazzo alberato e camminiamo per qualche minuto nella bocca della gola: l’inizio promette bene, sembra essere davvero DSCN1704un’interessante e suggestiva passeggiata da fare (2 ore circa tra andata e ritorno), ma non oggi, non siamo organizzati e poi…è ora di pranzo :-)!!

Ci dirigiamo quindi verso il mare e ci fermiamo in una taverna tipica a Kissamos-Kasteli, per assaporare pomodori e peperoni al forno ripieni di riso ed erbe, una fresca insalata greca ed un piatto di ottimo tzatziki, spendendo in tutto solo 12 €!!!

DSCN1712Dopo mezz’ora di auto siamo di nuovo a casa, soddisfatti della nostra gita fuori porta e, come spesso accade, ci troviamo una bella sorpresa sul nostro tavolo del giardino: limoni formato gigante, arance e avocado che Andreas e Maria, i proprietari di Villa Anastasia, raccolgono nel loro frutteto a Galatàs e poi ci regalano… come possiamo non sentirci a casa??!

Insomma, vi piacciono i nostri tour per l’isola?

Se ne avete altri da proporci in zona che avete già provato o dove vorreste andassimo in avanscoperta, fatecelo sapere commentando di seguito l’articolo e sicuramente noi non ci tireremo indietro ;-)!

Alla prossima!

DSCN1695

Clicca sulla mappa per scoprire dove si trovano le mete di questo articolo

MONTAZ 04 HRAKLEIO.cdr

*NOTE:

I lavori di ristrutturazione e pulizia dei meravigliosi affreschi e mosaici all’interno della chiesa sono ultimati, quindi ora, in alcuni periodi dell’anno, è aperta al pubblico. Di seguito alcune foto:

affreschi-rotonda-1 affreschi-rotonda-2

 

 

 

 

affreschi-rotonda-3 mosaici-rotonda

 

 

 

 

Doppia Pasqua, doppio divertimento!

Ebbene sì, siamo proprio fortunati: quest’anno, come accade di rado, la Pasqua cattolica e quella ortodossa hanno coinciso! Sapete questo cosa significa???… Doppia festa, naturalmente ;-)! Dopo questi ultimi due giorni, infatti, ci vorrebbe digiuno forzato per un mese!!!

Solitamente “le due Pasque” cadono a una o più settimane di distanza l’una dall’altra, ma ogni 4-5 anni vanno a coincidere e quindi gli italiani che vivono a Creta si ritrovano ad incrociare nello stesso week end tradizioni, usi, tipi di cucina e cerimoniali diversi e molto particolari.

Per tutti i giorni della Settimana Santa, i greci ortodossi sono in fermento, in quanto per loro la Pasqua è in assoluto la festa più importante dell’anno.

Il Venerdì Santo (μεγάλη Παρασκευή) le donne allestiscono e ricoprono di fiori il Sepolcro di Cristo che poi viene portato in processione per le vie dei paesi e delle città.

La festa raggiunge il suo apice, però, il Sabato Santo (μεγάλο Σάββατο): è in questa nottata che si consuma la vera Pasqua dei Cretesi!

20140419_235407A Chania, nella piazza della Cattedrale, abbiamo assistito alla suggestiva cerimonia che si tiene la sera del sabato, con una miriade di persone raggruppate davanti alla chiesa, ognuna che, allo scoccare della mezzanotte, accende la propria candela, come simbolo di Luce Santa, per poi accendere quella del vicino con la propria fiamma, annunciandogli la resurrezione di Cristo: Χριστός Ανέστη (Cristo è risorto)! 

Tutto questo avviene tra un frastuono di campane che suonano a festa, i sacerdoti ortodossi che cantano le loro litanie e i ristoratori che si preparano ad accogliere proprio a quell’ora, come da tradizione, i cretesi che, affamatissimi, si siedono a tavola per consumare un pantagruelico pasto, rigorosamente a base d’agnello alla brace (di quelli della serie: “non si butta via nulla della bestia!!”) che non si sa bene se si possa definire cena, colazione o cos’altro vista l’ora :-)!

E da quel momento quindi partono i festeggiamenti fatti di petardi, fuochi d’artificio, falò più o meno grandi che bruciano effigi di Giuda (e per fortuna che Gesù predicava il perdono!! Sono davvero unici i Greci :-D!!) e vanno avanti fino al mattino! Naturalmente, tutto questo festeggiamento ad oltranza non ferma nessuno di quei nottambuli dal ripresentarsi a tavola il giorno dopo, anche se con la classica calma cretese, quindi verso le 14-14:30, per un altro pranzo di famiglia! D’altronde, quello che non manca davvero mai qui a Creta è una buona occasione per mangiare assieme (e non parliamo di insalatine o brodetti!!) e un posto a tavola per chiunque… fantastici, davvero!

20140420_145127Noi, al contrario dei più, dopo la mezzanotte del sabato siamo corsi a casa (avevamo già cenato ad un orario più italiano!) perchè  il giorno di Pasqua la sveglia sarebbe stata mattiniera. Infatti, eravamo stati invitati da una coppia vicentina che vive a Creta da 15 anni, Alberta e Michele, per festeggiare la loro cosiddetta “Pasqua degli Italiani” con loro ed altri amici, nei dintorni di Agios Nikolaos (circa 2 ore e mezza di auto da Chania). Ci hanno portati nella bellissima taverna “Bagozi” di Manolis&Gabi (lui greco, lei svizzera italiana), in riva ad un mare bello da 20140420_132202mozzare il fiato, nel minuscolo porticciolo di Mochlos…che panorama, che mangiata e che giornata ragazzi! In controtendenza rispetto alla Pasqua ortodossa, quindi, non abbiamo potuto resistere alle specialità della casa, vista la location e il nostro buon gusto italiano. Abbiamo ordinato tonno freschissimo, calamari fritti, stuzzichini tipici cretesi, il tutto bagnato da buon vino bianco e, per i più 20140420_132620audaci (vero Enrico??!! :-D), da ouzo ghiacciato! E’ stato bello, diverso…e poi, alla fine, più che una Pasqua italiana è stata una Pasqua multietnica, visto che a tavola c’erano italiani, greci e francesi!

La Pasquetta invece per gli ortodossi non esiste come festa, anche se le scuole riaprono comunque solamente dal mercoledì dopo Pasqua, ma noi, ovviamente, non potevamo non festeggiare anche quella, o no??

Come destinazione per la scampagnata di Pasquetta, quindi, è stato scelto il nostro adorato Lago Kournas, a circa 30-40 minuti da casa nostra (presso Villa Anastasia). 20140421_122857Siamo andati con dei nuovi amici di Chania, Domenico, Tatiana e la loro piccolina, Eliana. Il tempo è stato a nostro favore, visto che si può dire che da ieri sia esplosa l’estate! Dopo una passeggiata in riva al lago (l’unico di acqua dolce in tutta Creta) e un pranzetto cretese in uno dei ristorantini sulla spiaggia ancora semideserta, ci siamo diretti nel vicino villaggio di Georgioupouli per un caffè in un chiosco molto carino in riva al mare… d’altra parte qui non si può stare neanche un giorno troppo lontani dal mare ;-)!

20140421_145446Insomma, un gran bel fine settimana!

Nonostante il chilo in più che ora ci troviamo addosso rispetto allo scorso venerdì (aiutooo!!), ci sentiamo davvero felici, anche grazie alle nuove amicizie che stiamo instaurando e che ci aiutano a sentire un pochino meno la mancanza dei nostri sempre unici e pazzoidi amici vicentini (vi adoriamo tosi!!!).

Ciao, alla prossima!

20140421_162605

 

I monasteri dell’Akrotiri: una boccata d’aria mistica…

Dopo appena una settimana che ci eravamo trasferiti a Creta, avevamo già una voglia matta di addentrarci nel territorio per scoprire le bellezze, più o meno nascoste, di quest’area.

E così, una domenica, abbiamo riempito lo zaino di panini, frutta e acqua e siamo partiti per una gita che si può definire “mistica”…

DSCN1432Prima tappa: Monastero di Agia Triada Zangarol

A circa mezz’ora di auto da Kato Galatas (dove abitiamo), nel mezzo della penisola dell’Akrotiri, arriviamo, dopo aver superato un lungo viale di cipressi, a questo maestoso e luminoso monastero rinascimentale dalla bellezza davvero notevole. Siamo fortunati perchè a marzo non DSCN1443è ancora esplosa la stagione turistica, quindi, una volta superata l’entrata principale, dentro le mura ci siamo solo noi due e qualche sparuto cretese nel cortile che conduce ad una piccola chiesa e alle stanze dei monaci. DSCN1434 C’è una pace rassicurante tra quelle mura e ci sembra un pò di essere stati catapultati al di fuori del mondo civilizzato…proprio una piacevole sensazione!

Lasciamo Zangarolo per avviarci alla nostra…

DSCN1459…seconda tappa: Monastero di Gouverneto

Parcheggiamo l’auto fuori dal monastero per DSCN1460visitarlo e per poter intraprendere poi la nostra passeggiata verso la terza tappa della gita. L’abbazia fortificata di Gouverneto risale al 1537 e l’atmosfera che la circonda è davvero unica! Totalmente immersa in un ambiente selvaggio fatto di gole, erbe selvatiche, colline e sentieri DSCN1462scoscesi che affacciano sul mare, Gouverneto vale sicuramente il viaggio fino a qui.

Da lì inizia la nostra scarpinata verso la

DSCN1467terza tappa: Chiesa rupestre della Madonna dell’Orso (Panagia Arkoudiotissa)

Dopo circa 15 minuti di camminata attraverso un accessibile sentiero che sembra si butti a DSCN1463 capofitto sul mare da un momento all’altro, mentre ci godiamo il rincuorante sole greco, i profumi delle erbe aromatiche che riempiono il paesaggio e la pungente brezza di marzo, raggiungiamo la vasta grotta in cui, incastonata nella pietra, vediamo la minuscola e DSCN1470singolare chiesetta della Madonna dell’Orso, che deve il suo nome alla grande stalagmite presente all’interno della grotta stessa che ricorda la forma di un orso e alla leggenda ad essa legata: si dice che un orso gigantesco minacciasse la vita dei monaci della cappella bevendo tutta l’acqua del loro pozzo, finchè un giorno, dopo le loro preghiere alla Madonna perchè li liberasse dalla bestia feroce, avvenne il miracolo e l’orso venne tramutato in roccia! Le leggende hanno sempre il loro fascino, o no ;-)?

DSCN1485Arriviamo infine alla quarta e ultima tappa della nostra gita, nonchè il motivo principale per cui oggi abbiamo deciso di allenare un pò i muscoli delle gambe: il Monastero di Katholikò.

Che dire…qualcosa di indimenticabile!

Realizzato nel X secolo d.C. da San Giovanni, di questa spettacolare struttura oggi possiamo ammirare l’entrata con un bellissimo portale a capitello, la facciata della chiesetta incastonata sulla montagna e un maestoso e larghissimo ponte che un tempo ospitava gli alloggi dei monaci.DSCN1481

Dalla grotta dell’orso sono altri 20 minuti a piedi per giungervi, attraverso un sentiero ripido che termina con una scalinata che sembra sospesa nel vuoto!

DSCN1489La parte sicuramente più affascinante della storia che racconta la vita di questo monastero è quella che parla di pirati: sembra infatti che questi ultimi avessero ben presto scoperto l’approdo nella spiaggia a mezz’ora di camminata a sud del convento, costringendo i poveri monaci, dopo innumerevoli attacchi e saccheggi subiti, ad abbandonare Katholikò e a trasferirsi nel più sicuro Gouverneto.

DSCN1499Dopo un servizio fotografico completo, un pranzo al sacco ai bordi del ponte e un pò di relax nel silenzio assoluto di questa valle, disturbato solo dal belare e dal campanaccio di alcune caprette, risaliamo verso l’auto, con non poca fatica, ma…che giornata ragazzi! Da rifare assolutamente, magari arrivando fino al mare la prossima volta!

Vi va di venirci con noi ;-)?

DSCN1490

Clicca sulla mappa per scoprire dove si trovano le mete di questo articolo

MONTAZ 04 HRAKLEIO.cdr