Vespa Raduno a Chanià: una faccia, una razza

Lo scorso week-end abbiamo partecipato qui a Chanià ad un’iniziativa a noi molto nota: il Vespa Raduno. Chi ci segue da un po’, sa che noi abbiamo portato dall’Italia il nostro vespino, fedele compagno di viaggio da molti anni. Quando eravamo ancora a Vicenza, ogni anno partecipavamo ai Vespa raduni che venivano organizzati in zona, occasioni davvero piacevoli per stare in compagnia di bella gente, ascoltare buona musica, fare un brindisi e, naturalmente, girare in lungo e in largo per i Colli Berici!

Ecco che, a distanza di qualche anno, ci viene offerta l’opportunità di ripetere quest’esperienza in un’altra terra, in un’altra nazione, parlando un’altra lingua, ma di sicuro con la stessa passione e la stessa voglia di stare insieme e divertirsi.

12716129_1112347525476642_2411386871334331997_oAbbiamo letto di questo Vespa raduno sulla pagina Facebook del Vespa Club Chanià e abbiamo pensato: “Quale occasione migliore per farci nuovi amici e per sfoggiare la nostra Vespa tutta italiana??”.

Ci siamo presentati il primo giorno, il venerdì, e subito abbiamo attirato l’attenzione deiVespa Raduno Chania - Giorno 1 più: cosa ci fa una Vespa targata Vicenza in quel di Chanià? In pochi minuti abbiamo conosciuto gente da tutte le parti della Grecia: Creta, Atene, Salonicco, Isola di Chio, Larissa! C’era addirittura un personaggio simpaticissimo che veniva direttamente da Belgrado! Tutti si scambiavano adesivi dei vari Vespa Club di appartenenza, ma anche esperienze di viaggio e aneddoti divertenti.

Quel giorno abbiamo fatto un bel giro nella penisola dell’Akrotiri (per saperne di più Vespa tour ad Agia Triadasull’Akrotiri, vedasi articoli “Stavros e Kalathas: le spiagge dell’Akrotiri”“Un sabato da Χανιώτες”,“I monasteri dell’Akrotiri”), visitando il Monastero di Agia Triada e le tombe dei Venizelos. Una volta tornati a Chanià, abbiamo pranzato tutti insieme in una taverna in Piazza del Dikastirio.

Il sabato ci siamo ripresentati al mattino alle porte dell’Agorà (il mercato al coperto di Chanià), luogo di ritrovo per la partenza e per le iscrizioni. Il giro prevedeva un tour per il centro della città con sosta finale al Porto Vecchio. E’ stato particolarmente Vespa tour al Porto Vecchioemozionante entrare nella zona del porto con la Vespa, poiché normalmente lì è vietato l’accesso ai veicoli a motore. Il colpo d’occhio di questa lunga fila di Vespe multicolore sullo sfondo del Faro Egiziano era davvero forte!

Dopo aver pranzato in una taverna del centro con un gruppetto di nuovi amici da Atene e Salonicco, ci siamo diretti verso casa, per fare una pausa in attesa della serata organizzata dal club. Questa volta si è scelto il pullman per raggiungere la taverna di Therisso, essendo la strada un po’ tortuosa e buia, nonché sapendo i litri di vino e rakì Cena a Therissoche sarebbero scorsi a fiumi! La cena che è stata servita era tipicamente cretese: kalitzounia ripieni di mizithra (fagottini di pasta fillo ripieni di un formaggio pecorino cretese), insalata greca, carne di capra e agnello, riso pilaf con limone. Il tutto condito da vino locale, musica greca e tanto buon umore!

La domenica, nonostante il sonno incredibile dovuto al rientro tardo della sera prima, ci siamo trovati tutti al solito punto d’incontro per partire alla volta di Kalyves e Vamos, aBalli tradizionali circa 20 km a est di Chanià. Dopo un bel giro rilassante, baciati da un sole decisamente primaverile, ci siamo goduti un pranzo all’aperto, organizzato dal Vespa Club e preparato dalla gente del posto, a base di zuppa di fagioli, spiedini e insalata di cavolo cappuccio. Così è scorsa quest’ultima giornata, tra chiacchiere, brindisi, musica dal vivo e balli tradizionali.

12841400_1123404577704270_2327147559167766309_oE’ vero, noi qui ci troviamo immersi in un’altra cultura e in un’altra tradizione, siamo costretti a parlare un’altra lingua, ci troviamo ad una diversa latitudine, ma qui a Creta non ci siamo mai sentiti dei “diversi” perché i cretesi stessi non ci considerano tali. Tutti i greci conoscono fin da bambini una frase che noi in Italia non usiamo, ma che, secondo noi è azzeccatissima. Dicono:”Italia Grecia, una faccia una razza” e la cosa incredibile è che la dicono in italiano, non in greco! Sarebbe davvero interessante capire da dove deriva questo detto che, nonostante qui venga usato nella nostra lingua, in Italia non è minimamente conosciuto! In ogni caso, dopo quest’esperienza alternativa di Vespa Raduno, non possiamo che confermare appieno il fatto che siamo una sola faccia e una sola razza!

Collage Vespa Raduno Chania

Stavros e Kalathas: le spiagge dell’Akrotiri

Non è la prima volta che parliamo nel nostro blog della penisola dell’Akrotiri. Ad esempio, quando siamo stati alla spiaggia di Seitan Limani o “Porto del diavolo”, la bellissima insenatura a zig zag…ve la ricordate? Oppure durante la nostra gita ai tre splendidi monasteri di Agia Triada, Gouverneto e Katholikò. Insomma, dobbiamo ammetterlo: quella che credevamo fosse una zona importante solo perché ospita l’aeroporto di Chania, si sta rivelando una fonte inesauribile di bellissime sorprese!

Un paio di giorni fa, infatti, abbiamo esplorato un altro paio di baie deliziose che questo aspro spuntone cretese ci offre: le spiagge di Kalathàs e Stavròs.

Partiamo da Kalathàs: si raggiunge comodamente in macchina, in circa 25 minuti da Chanià. Arenile dorato, acque cristalline e dalle fantastiche gradazioni d’azzurro, spiaggia equamente suddivisa tra parte attrezzata e libera…un posto incantevole, senza dubbi! DSCN2380Per essere precisi, sono due le spiagge: una molto piccola e l’altra più ampia dove si trovano anche un paio di bar e gli ombrelloni. Le acque di Kalathàs sono basse e con qualche bracciata, volendo, si può raggiungere anche il piccolo isolotto che emerge proprio di fronte. Il nostro lunedì mattina, quindi, l’abbiamo passato in tranquillità in quest’angolo di Akrotiri…un inizio di settimana giusto un po’ diverso rispetto a quelli che trascorrevamo a Vicenza ;-)!

Verso l’ora di pranzo, siamo saliti in auto e ci siamo diretti verso nord, in direzione Stavròs. La strada è breve, circa 10 minuti, e completamente immersa tra gli ulivi e le DSCN2401caratteristiche viti nane tipiche di Creta. Sapevamo che anche qui, ancora più
distintamente di Kalathas, ci sono due spiagge, entrambe molto belle. Vista la giornata piuttosto calda, abbiamo scelto di passare il pomeriggio in quella che ci hanno detto essere, tra le due, la più esposta ai venti. Inoltre, avevamo letto di una taverna un po’ “alternativa” che si trova proprio in questa baia e così abbiamo deciso di provarla per pranzo.

L’insegna del ristorante dice: “Ηλιοβασὶλεμα – Sunset: cucina greca, francese e araba”. Come si fa a non essere incuriositi?? Impazienti di provare questo posto quindi,
DSCN2405arriviamo, parcheggiamo e, prima di tutto, ci godiamo il panorama di questa perla che è Stavros. Pochissime persone, pace assoluta, sabbia chiara e grossolana che diventa pietra una volta entrata nel bagnasciuga, ambiente selvaggio, mare turchese e accarezzato costantemente dalla brezza…una meraviglia!

Al centro di questa spiaggia, si trova appunto la taverna Sunset, una capanna di legno col tetto coperto di foglie di palma e, udite udite, la cucina attrezzata all’interno di una vecchia e stupenda roulotte! Oh, andiamo pazzi per queste cose!! L’atmosfera del posto è decisamente hippie, come la sua eclettica proprietaria, Malika, una signora francese dai capelli ricci e i piedi sempre nudi! Il posto ci piace tantissimo, così ci sediamo e chiediamo di poter ordinare. A quel punto Malika ci porta il menu, uno dei pezzi forti di DSCN2402questo posto: due lavagnette di legno rettangolari scritte a mano col gessetto, unite tra loro da due cerniere! In questo modo hanno creato un menu originale, ecologico e aggiornabile in ogni momento…chapeau ragazzi!! Anche il suo contenuto non ha deluso le aspettative: assieme ai classici greci e cretesi come dakos (ciambelline di orzo con pomodoro fresco, feta, cipolla e origano), melanzane al forno e pesce fresco, il menu quel giorno offriva un delizioso hummus (salsa mediorientale a base di ceci, pasta di sesamo e aglio), cous cous con le verdure e riso orientale…un bel mix da leccarsi i baffi insomma!!

Dopo il piacevole pranzetto consumato qui, abbiamo passato il pomeriggio a rilassarci nella spiaggia di Stavròs, godendoci il caldo sole di luglio e le freschissime acque trasparenti di quest’aspra e silenziosa baia rocciosa…che sogno!

Anche questa giornata è andata, lasciandoci dei dolci ricordi… E voi lasciateci invece il vostro commento se vi è piaciuto il nostro lunedì nell’Akrotiri!

A presto!

DSCN2410

I monasteri dell’Akrotiri: una boccata d’aria mistica…

Dopo appena una settimana che ci eravamo trasferiti a Creta, avevamo già una voglia matta di addentrarci nel territorio per scoprire le bellezze, più o meno nascoste, di quest’area.

E così, una domenica, abbiamo riempito lo zaino di panini, frutta e acqua e siamo partiti per una gita che si può definire “mistica”…

DSCN1432Prima tappa: Monastero di Agia Triada Zangarol

A meno di mezz’ora di auto da Chanià, nel mezzo della penisola dell’Akrotiri, arriviamo, dopo aver superato un lungo viale di cipressi, a questo maestoso e luminoso monastero rinascimentale dalla bellezza davvero notevole. Siamo fortunati perchè a marzo non DSCN1443è ancora esplosa la stagione turistica, quindi, una volta superata l’entrata principale, dentro le mura ci siamo solo noi due e qualche sparuto cretese nel cortile che conduce ad una piccola chiesa e alle stanze dei monaci. DSCN1434 C’è una pace rassicurante tra quelle mura e ci sembra un pò di essere stati catapultati al di fuori del mondo civilizzato…proprio una piacevole sensazione!

Lasciamo Zangarolo per avviarci alla nostra…

DSCN1459…seconda tappa: Monastero di Gouverneto

Parcheggiamo l’auto fuori dal monastero per DSCN1460visitarlo e per poter intraprendere poi la nostra passeggiata verso la terza tappa della gita. L’abbazia fortificata di Gouverneto risale al 1537 e l’atmosfera che la circonda è davvero unica! Totalmente immersa in un ambiente selvaggio fatto di gole, erbe selvatiche, colline e sentieri DSCN1462scoscesi che affacciano sul mare, Gouverneto vale sicuramente il viaggio fino a qui.

Da lì inizia la nostra scarpinata verso la

DSCN1467terza tappa: Chiesa rupestre della Madonna dell’Orso (Panagia Arkoudiotissa)

Dopo circa 15 minuti di camminata attraverso un accessibile sentiero che sembra si butti a DSCN1463 capofitto sul mare da un momento all’altro, mentre ci godiamo il rincuorante sole greco, i profumi delle erbe aromatiche che riempiono il paesaggio e la pungente brezza di marzo, raggiungiamo la vasta grotta in cui, incastonata nella pietra, vediamo la minuscola e DSCN1470singolare chiesetta della Madonna dell’Orso, che deve il suo nome alla grande stalagmite presente all’interno della grotta stessa che ricorda la forma di un orso e alla leggenda ad essa legata: si dice che un orso gigantesco minacciasse la vita dei monaci della cappella bevendo tutta l’acqua del loro pozzo, finchè un giorno, dopo le loro preghiere alla Madonna perchè li liberasse dalla bestia feroce, avvenne il miracolo e l’orso venne tramutato in roccia! Le leggende hanno sempre il loro fascino, o no ;-)?

DSCN1485Arriviamo infine alla quarta e ultima tappa della nostra gita, nonchè il motivo principale per cui oggi abbiamo deciso di allenare un pò i muscoli delle gambe: il Monastero di Katholikò.

Che dire…qualcosa di indimenticabile!

Realizzato nel X secolo d.C. da San Giovanni, di questa spettacolare struttura oggi possiamo ammirare l’entrata con un bellissimo portale a capitello, la facciata della chiesetta incastonata sulla montagna e un maestoso e larghissimo ponte che un tempo ospitava gli alloggi dei monaci.DSCN1481

Dalla grotta dell’orso sono altri 20 minuti a piedi per giungervi, attraverso un sentiero ripido che termina con una scalinata che sembra sospesa nel vuoto!

DSCN1489La parte sicuramente più affascinante della storia che racconta la vita di questo monastero è quella che parla di pirati: sembra infatti che questi ultimi avessero ben presto scoperto l’approdo nella spiaggia a mezz’ora di camminata a sud del convento, costringendo i poveri monaci, dopo innumerevoli attacchi e saccheggi subiti, ad abbandonare Katholikò e a trasferirsi nel più sicuro Gouverneto.

DSCN1499Dopo un servizio fotografico completo, un pranzo al sacco ai bordi del ponte e un pò di relax nel silenzio assoluto di questa valle, disturbato solo dal belare e dal campanaccio di alcune caprette, risaliamo verso l’auto, con non poca fatica, ma…che giornata ragazzi! Da rifare assolutamente, magari arrivando fino al mare la prossima volta!

Vi va di venirci con noi ;-)?

DSCN1490

Clicca sulla mappa per scoprire dove si trovano le mete di questo articolo