Jeep Safari a Creta: un’escursione fuori…strada!

Come sapete, a noi piace andare sempre a caccia di nuove esperienze e nuovi percorsi, sia per soddisfare la nostra sete di conoscenza e la nostra curiosità, sia per poter dare a voi viaggiatori ed amici che ci venite a trovare interessanti ed alternativi spunti per la vostra vacanza. Quella che vi raccontiamo oggi è un’escursione fuori dall’ordinario, a bordo di un fuoristrada Mitsubishi Pajero da 7 posti, guidato dal simpatico Nasos che, oltre ad essere un buon autista, si è rivelato anche un’ottima guida (in lingua inglese), conoscitore dell’isola, delle sue tradizioni e della sua natura.

Verso le 9 del mattino è passato a prenderci sotto casa e subito dopo la stessa cosa ha fatto con una ragazza canadese e una coppia di norvegesi che alloggiavano qualche km più ad ovest. Per la prima mezz’ora abbiamo attraversato una strada secondaria molto bella, costellata di aranceti e piante di avocado, immersa nel verde e nella tranquillità. Lungo il tragitto, Nasos ci ha spiegato alcune cose sulla coltivazione locale di questi frutti e sulla loro vendita. Imboccata la gola di Thèriso o di Elefthèrios Venizèlos, ci siamo fermati ed abbiamo proseguito a piedi per circa un quarto d’ora per poter godere della frescura di quella zona, della meravigliosa natura circostante e della compagnia delle scattanti caprette cretesi. Risaliti in macchina, siamo giunti al caratteristico villaggio di Therisso, molto amato dagli abitanti di Chanià, sia per la bellezza e la tranquillità del luogo, sia per quello che storicamente rappresenta. Nasos ci ha raccontato infatti che qui, nel 1905, ebbe luogo la Rivoluzione Cretese che portò Creta, al tempo stato indipendente, ad unificarsi alla Grecia. La rivoluzione fu iniziata da un gruppo appassionato di cretesi, guidati dall’allora giovanissimo e intraprendente Elefthèrios Venizèlos. Costui, successivamente, fu nominato Primo Ministro greco per ben 7 volte consecutive, guadagnandosi, grazie al suo operato e alla sua grande personalità, il rispetto e l’ammirazione di tutto il popolo greco, fino ai giorni nostri. Oggi lo considerano, infatti, il personaggio storico più importante della nazione dopo gli Antichi Greci.

Dopo una breve passeggiata per il centro del villaggio, abbiamo fatto sosta in una delle tipiche taverne presenti in loco per uno spuntino tutto cretese, a base di pomodori freschi, formaggio di pecora locale (gravièra), olive e crostini all’orzo (paximàdia). Il bello però doveva ancora arrivare. La nostra meta principale, infatti, non ve l’abbiamo ancora svelata. Dopo esserci rimessi in strada con la nostra jeep, dopo circa 15 minuti, ci siamo immessi in una stradina sterrata che solo con un mezzo come quello su cui viaggiavamo si poteva attraversare. Per circa 20-30 minuti, lasciandoci alle spalle ogni segno di vita e di insediamento umano, abbiamo “ballato” su questo percorso “off road” davvero straordinario. Di lì a poco ci si è parato davanti un panorama pazzesco, con delle splendide montagne, una vegetazione completamente diversa rispetto a quella di mezz’ora prima, una vista sconfinata sul mare e sui paesi della costa. Tutto questo per giungere dove tutti aspettavamo con ansia di arrivare: al rifugio dei pastori cretesi. Nasos ci ha introdotto alla spiegazione del posto dicendo: “Premetto che non siamo arrivati in Afghanistan o in Pakistan, ci troviamo sempre a Creta, in Europa”. In effetti, la sensazione era proprio quella di essere stati catapultati a casa dei pastori nel bel mezzo di una sperduta regione afghana o qualcosa di simile. In quest’area esistono ancora 3 di questi rifugi, costruiti solamente con le pietre ed i materiali presi dal terreno circostante. Qui, alcune famiglie del luogo, si tramandano da centinaia di anni le tecniche, i segreti e l’amore per la pastorizia, per le loro 700 pecore e per la creazione e la lavorazione dei formaggi tradizionali cretesi: il gravièra, la mizìthra e l’anthòtiro. Arrivati in loco, abbiamo visitato uno di questi minuscoli rifugi, il cui nome tradizionale greco è Mitàto. All’interno di questo, ogni estate, i pastori si trasferiscono per un periodo da va da 1 a 3 mesi, e lavorano, controllano e custodiscono con cura i loro deliziosi formaggi durante il periodo di stagionatura, per poi venderli solo ed esclusivamente a poche e fortunate famiglie di amici e conoscenti. Ogni mattina, verso le 8, attirano lì con del cibo extra il loro folto gregge che per tutto il giorno e la notte precedenti hanno pascolato e vagabondato per le montagne circostanti. Dopo averle fatte mangiare, le spingono verso un percorso obbligato che le porta dritte sotto ad una copertura di legno, al punto in cui il pastore le munge ad una ad una. Nasos ci ha spiegato che per fare ciò, lui usa ancora la tecnica tradizionale. Si piega ad angolo retto in direzione del gregge, la pecora passa sotto le sue gambe, lui la blocca tra le ginocchia e la munge. Per non affaticare troppo la schiena, si sostiene il busto con un copertone sgonfio appeso ad una corda che pende dal soffitto: un rudimentale, ma utilissimo brevetto :-D! Una volta finito, le pecore possono dissetarsi con l’acqua sorgiva che i pastori raccolgono per loro in alcune vasche e riprendere poi il loro pascolo sulle montagne! Queste sono solo alcune delle interessantissime informazioni che la nostra guida ci ha fornito durante la visita. Il luogo, situato nel bel mezzo del nulla, è davvero incredibile e sembra possedere un’anima propria.

Dopo aver scattato qualche bella foto, quasi a malincuore, abbiamo dovuto lasciarlo, ma il pensiero di tornare a Theriso per goderci un fantastico pranzo a base di piatti tipici ci ha sicuramente tirato su il morale. Una volta riempita la pancia, a pochi metri dalla taverna, abbiamo visitato il piccolo museo di Elefthèrios Venizèlos, allestito all’interno dell’edificio che, al tempo della rivoluzione, fu il suo quartier generale. Qui si può vedere la bandiera originale utilizzata dai rivoluzionari nel 1905.

Lasciato Theriso, ci siamo fermati prima ad una sorgente naturale di acqua, all’altezza di Mesklà, e poi al villaggio di Vatòlakkos dove abbiamo potuto visitare un altro piccolo museo, questa volta dedicato all’ “oro cretese”, l’olio d’oliva, situato all’interno di un ex frantoio del XIX secolo. Il tutto, ovviamente, sempre condito dalle ricche spiegazioni di Nasos.

Siamo stati davvero entusiasti di quest’esperienza vissuta al di fuori di qualsiasi rotta turistica. L’agenzia di Nasos propone svariate escursioni simili a questa, tutte caratterizzate da percorsi fuori strada sulle montagne e da luoghi solitari e poco conosciuti in cui si può conoscere la vera ed autentica Creta. Noi di sicuro lo consiglieremo a chi verrà a trovarci e saremo lieti di fornire maggiori informazioni in merito, nonché di mettere in contatto Nasos con chiunque fosse interessato.

Milià: ritorno al passato

Si chiama Milià Mountain Retreat e si trova a circa 50km a sud di Chanià, nel cuore delle montagne cretesi: qui il tempo sembra essersi fermato ad un secolo fa…

La sua storia inizia nel Medioevo ed è arrivata fino ai giorni nostri grazie a due sognatori, Giorgos e Tasos. All’inizio degli anni ’90, i due amici hanno unito la loro comune passione per il territorio e per la tradizione, per Miliaricostruire sui resti dei loro antenati un luogo dove poter assaporare un’atmosfera d’altri tempi.

Già la strada per arrivare, sterrata ed in mezzo ai boschi, ci fa capire che stiamo per entrare in un’altra dimensione. Le frecce che indicano “MILIA” (in greco “MΗΛΙΑ”) ci accompagnano fino ad un punto in cui ci si deve parcheggiare l’auto, a circa 150m Milia Mountain Retreat
dal complesso agrituristico, che si raggiunge a piedi passando in mezzo agli ulivi ed ai castagni. La struttura è davvero particolare: tutta realizzata in pietra, seguendo i criteri di costruzione tradizionali, riutilizzando i vecchi resti del villaggio ed alcuni materiali provenienti esclusivamente dall’area circostante. Questo complesso eco-friendly include un ristorante e 16 alloggi. L’unica fonte di elettricità è un piccolo impianto fotovoltaico che fornisce giusto quel che serve per lavorare. La sera infatti, se vi capiterà di cenare lì, lo farete al lume di una candela! Camera del Milia Mountain RetreatLe camere, una diversa dall’altra, sono molto rustiche, arredate con il minimo indispensabile per vivere e, durante l’inverno, sono riscaldate da camini o stufe a legna. L’intera struttura si trova incastonata tra i Monti Bianchi (Lefkà Ori) e immersa in un silenzio e in una pace surreali, anche per Creta! I cardini che tengono in piedi tutto questo in maniera funzionale sono il rispetto per la tradizione e la natura, la calma e la passione per le materie prime locali.

Noi, lo dobbiamo ammettere, ci siamo letteralmente innamorati di questo posto! Dopo aver Primaverapasseggiato in lungo in largo per i sentieri che circondano gli edifici, scovando fiori ed alberi da frutto di ogni tipo, ci siamo naturalmente fermati a pranzo alla taverna del Milià Mountain Retreat. Adoriamo i posti come questo, perché offrono la vera ed autentica cucina tradizionale cretese. Seduti accanto al camino acceso, avvolti da un ambiente caldo e familiare, ci siamo goduti il nostro “slow food” dai sapori indimenticabili. Ogni cosa, dal vino all’olio, dal pane al rakì (la grappa locale), è fatta in casa, con un amore ed una
Ristorante del Milia Mountain Retreatdedizione facilmente intuibili dal gusto che lasciano in bocca! I piatti che vengono serviti sono ricchi di erbe aromatiche raccolte nei dintorni e preparati solo con ingredienti di stagione. Il tutto è piacevolmente condito dalla grande ospitalità del personale e dalla vista sulla natura incontaminata.

Sicuramente questa è un’esperienza che consigliamo a tutti, in quanto è l’occasione per corpo e spirito di allontanarsi dalla frenesia della realtà presente, viaggiare indietro nel tempo e stare semplicemente fermi.

Passeggiando sui sentieri di Milià

Un sabato da Χανιὼτες…

…”E cioè??” – molti si staranno chiedendo῎…

…Ebbene, i Χανιὼτες (pronuncia: Chaniòtes) sono gli abitanti di Chania e noi sabato scorso ci siamo mimetizzati tra loro alla perfezione ;-)!

20140517_125749Siamo partiti da casa al mattino, scoprendo a nostre spese (in quanto abbiamo speso il doppio del tempo che di solito serve per trovare parcheggio in centro!) che al sabato, vicino alla zona di Koum Kapi, si svolge il mercato ortofrutticolo: ogni ben di Dio, proveniente da questa fertile terra baciata dal sole quasi 300 giorni l’anno, era esposto su decine di bancarelle lungo i lati di via Minoos. Non sapevamo più dove girarci perché i20140517_125303 colori dei peperoni, dei pomodori, di fragole e ciliegie e i profumi di aneto, menta e origano di montagna facevano impazzire i nostri sensi! Tutta merce freschissima e a prezzi davvero ridicoli, un paradiso per chi, come noi, praticamente vive di frutta e verdura!

Dopo 2-3 “vasche” su e giù per il mercato e qualche doveroso acquisto, quindi, ci siamo avviati a piedi verso il luogo prescelto per il pranzo, ossia una taverna a noi molto cara, DSCN9532dove questi prodotti della terra cretese vengono ogni giorno valorizzati al massimo e dove l’amore per la cucina è l’ingrediente principale di tutti i piatti di Stelios, il proprietario (un altro Stelios, non lo stesso del Dounias :-)). Parliamo di “To Stachi”- Bio Slow Food, in via Defkaliona, dietro gli arsenali veneziani. Che dire di questo posto?? Noi ormai ci siamo legati in maniera indissolubile a Stelios ed alla sua famiglia, nonché ai suoi originalissimi e squisiti piatti DSCN1901vegetariani e vegani. E’ impossibile non amare l’atmosfera, semplice e casalinga, le pietanze, tutte gustosissime, biologiche e realizzate con erbe, verdure e prodotti del territorio di Chania e, naturalmente, Stelios, la classica persona che dopo 2 minuti che la conosci, ti sembra che sia uno di famiglia, un uomo di sani principi, generoso, ospitale. La prima volta che siamo stati da lui, a giugno DSCN1898dello scorso anno, gli abbiamo chiesto: “Come fai a rendere i tuoi piatti così gustosi e unici?” e lui ci ha risposto:
“Il vero segreto è l’amore: più amore ci metti nel preparare un piatto, più questo verrà speciale”…e lui deve mettercene proprio tanto di amore!! Tra pane e boureki appena sfornati, patate con carciofi e aneto, e, DSCN1900naturalmente, il nostro piatto preferito, le melanzane al forno con olio, aglio, pinoli, uva sultanina e prezzemolo, ci siamo sfamati ben bene e siamo ripartiti, questa volta verso un posto caro a tutti i cretesi.

Con l’auto, dal centro della città, ci si impiega circa 10 minuti e si deve salire fino in cima alla collina: qui si trova il sacrario di Eleftherios Venizelos e figlio.

DSCN1859

Qualcuno di voi ha mai sentito questo nome? In Grecia, ma soprattutto a Creta, la sua terra natale, Venizelos è decisamente un intoccabile! 7 volte primo ministro greco, Eleftherios Venizelos combattè ardentemente per l’indipendenza di Creta dai Turchi e per l’unione politica dell’isola al resto della Grecia. A Chania, ancor oggi, il suo nome è motivo di rispetto e vanto, in quanto proprio qui il carismatico statista nacque e visse per varie decadi nell’arco della sua vita. DSCN1850Mentre in città si possono visitare la sua casa natale/museo e la sua dimora successiva, sulla collina dove eravamo sabato scorso, si trovano le  tombe dell’illustre rivoluzionario e di suo figlio Sofocle. Dal piazzale si gode, inoltre, di una delle più indimenticabili e toccanti viste di Chania. Attorno alle due lapidi si estende un bel giardino, con la chiesetta del ProfetaDSCN1857 Elia e la statua di Spiros Kayales, ossia quello che si può definire “un greco tutto d’un pezzo”. Infatti, quando nel 1897, in piena rivoluzione cretese, i bombardamenti da parte delle flotte europee “colpirono ed affondarono” l’asta della bandiera greca che qui sventolava, il rivoluzionario Kayales innalzò nuovamente la stoffa bianco-azzurra, usando il suo corpo come portabandiera, nel bel mezzo di un vero e proprio inferno di fuoco! L’ammiraglio italiano Canevaro, meravigliato da questo impavido e patriottico gesto, ordinò ai suoi uomini di abbassare i cannoni e cessare il fuoco.

DSCN1868

Dopo tante storie di guerre e di eroi, è naturale che ci sia venuta voglia di un po’ di leggerezza, ma soprattutto di dolcezza :-). Prima di riavviarci verso casa quindi, DSCN1878abbiamo deciso di fermarci al vicino Koukouvaya, una vera istituzione per i golosi del luogo! Si tratta di un bar incantevole da cui si gode, secondo il loro popolare slogan, della “più succosa vista della città” (in greco: η πιο ζουμερὴ θὲα της πὸλης) e non solo, visto che qui il dolce più famoso che servono si chiama proprio Zoumerò, che significa letteralmente “succoso”. Vedendo la foto qui sotto, non credo serva spiegare DSCN1882quanto sia allo stesso tempo libidinoso, cioccolatoso, ipercalorico, nonchè il rimedio ideale ad ogni male dell’anima!!! Sì sì, lo so, basta guardarlo per prendere un chilo a distanza, ma vi assicuro che almeno una volta nella vita bisogna provarlo!!! D’altronde, fa parte anche questo della cultura cretese, quindi non si può non addentrarsi completamente nelle tradizioni locali del paese che ci ospita, no ;-)??

Che bella giornata abbiamo passato!

Ma per finirla in bellezza e da veri Chanioti, mancava ancora una cosa: la nostra passeggiata preferita, ossia quella al Porto Vecchio di Chania e attraverso le vie del centro città ormai brulicanti di turisti…πολὺ ωραὶο!!

DSCN1887 DSCN1888 DSCN1889  DSCN1893

 

 

 

Ulivo di Pano Vouves e Chiesa “La Rotonda”: a spasso tra storia e natura!

Sapete da cosa è coperto per un quarto il territorio cretese? Non riuscite proprio a immaginarlo???

Ve lo diciamo noi allora: dagli ulivi.

DSCN1684Eh sì, questi magnifici alberi, che si possono definire dei “nonni del mondo vegetale” considerata l’età che possono raggiungere, regnano sovrani nelle colline e nelle pianure cretesi, offrendo ai viaggiatori panorami mozzafiato e agli isolani una fonte di sostentamento grazie al prezioso e ricercato succo dei loro frutti. Gli antichi Greci pensavano che l’olio d’oliva avesse proprietà benefiche per la salute dell’uomo e che fosse una medicina naturale contro molte malattie; ancora oggi, alcuni rappresentanti della medicina moderna raccomandano la sua assunzione per prevenire alcune malattie cardiache, tumori, diabete, impotenza, ecc. Non sappiamo se sia vero, in quanto noi abbiamo spesso sentito pareri contrari a questa teoria, ma in ogni caso, dobbiamo essere sinceri: a noi piace taaantooo!!

DSCN1646Ma perchè vi stiamo dicendo queste cose, che probabilmente già molti di voi sanno? Naturalmente per introdurvi all’ultima nostra esaltante esperienza, che ci ha portati a fare visita ad un vero e proprio avo di tutti gli ulivi del mondo: il millenario ulivo di Pano Vouves, villaggio di montagna che si trova a circa 30 minuti di auto da Chanià. Quest’albero è davvero un fenomeno della natura: si stima che l’arzillo nonnetto abbia suppergiù la bellezza di 3000 anni e che sia uno tra i 7 ulivi più antichi del mondo, se non il più antico addirittura! Il suo tronco cavo ha un diametro di 3,70 m, un perimetro di 8 m e una peculiare e bizzarra forma che sembra una vera e propria scultura, tanto da fargli DSCN1657meritare la classificazione di “monumento” da parte della SEDIK (Associazione dei Comuni delle Olive di Creta). Ammirando questo colosso è inevitabile chiedersi cosa deve aver visto ed ascoltato nei millenni attraverso i suoi rami e chissà quali antichi sovrani o prodi guerrieri possano
aver accarezzato la sua indistruttibile corteccia…la natura non smette mai di impressionarci e di farci viaggiare con la fantasia, non è vero???

DSCN1680Lasciamo Vouves alle nostre spalle e proseguiamo per le stradine dell’entroterra cretese, cosparse di fiori e, ovviamente, di centinaia e centinaia di ulivi, per raggiungere Episkopi, dove possiamo ammirare un’altra bellezza antica, ma questa volta realizzata da braccia umane: la Chiesa dell’Arcangelo Michele, detta “La Rotonda”. Per un attimo, quando leggiamo il cartello che indica la strada, ci viene un tuffo al cuore ripensando alla nostra Rotonda (la villa palladiana vicentina), ma torniamo subito al DSCN1668presente per ammirare qualcosa di molto diverso da essa: una bellissima chiesetta bizantina, che racchiude al suo interno un mosaico pavimentale e magnifici affreschi del XII secolo e antecedenti.

Dopo qualche foto all’esterno e qualche altra “rubacchiata” dell’interno, grazie alle finestre molto basse, (*vedasi note a piè di pagina) decidiamo di avviarci verso Astrikas, un villaggio a circa 10 minuti da Episkopi, superato il quale troviamo la Gola di Delianà. Parcheggiamo l’auto in un bello spiazzo alberato e camminiamo per qualche minuto nella bocca della gola: l’inizio promette bene, sembra essere davvero DSCN1704un’interessante e suggestiva passeggiata da fare (2 ore circa tra andata e ritorno), ma non oggi, non siamo organizzati e poi…è ora di pranzo :-)!!

Ci dirigiamo quindi verso il mare e ci fermiamo in una taverna tipica a Kissamos-Kasteli, per assaporare pomodori e peperoni al forno ripieni di riso ed erbe, una fresca insalata greca ed un piatto di ottimo tzatziki, spendendo in tutto solo 12 €!!!

Dopo mezz’ora di auto siamo di nuovo a casa, soddisfatti della nostra gita fuori porta…insomma, vi piacciono i nostri tour per l’isola?

Se ne avete altri da proporci in zona che avete già provato o dove vorreste andassimo in avanscoperta, fatecelo sapere commentando di seguito l’articolo e sicuramente noi non ci tireremo indietro ;-)!

Alla prossima!

DSCN1695

Clicca sulla mappa per scoprire dove si trovano le mete di questo articolo

*NOTE:

I lavori di ristrutturazione e pulizia dei meravigliosi affreschi e mosaici all’interno della chiesa sono ultimati, quindi ora, in alcuni periodi dell’anno, è aperta al pubblico. Di seguito alcune foto:

affreschi-rotonda-1 affreschi-rotonda-2

 

 

 

 

affreschi-rotonda-3 mosaici-rotonda

 

 

 

 

I monasteri dell’Akrotiri: una boccata d’aria mistica…

Dopo appena una settimana che ci eravamo trasferiti a Creta, avevamo già una voglia matta di addentrarci nel territorio per scoprire le bellezze, più o meno nascoste, di quest’area.

E così, una domenica, abbiamo riempito lo zaino di panini, frutta e acqua e siamo partiti per una gita che si può definire “mistica”…

DSCN1432Prima tappa: Monastero di Agia Triada Zangarol

A meno di mezz’ora di auto da Chanià, nel mezzo della penisola dell’Akrotiri, arriviamo, dopo aver superato un lungo viale di cipressi, a questo maestoso e luminoso monastero rinascimentale dalla bellezza davvero notevole. Siamo fortunati perchè a marzo non DSCN1443è ancora esplosa la stagione turistica, quindi, una volta superata l’entrata principale, dentro le mura ci siamo solo noi due e qualche sparuto cretese nel cortile che conduce ad una piccola chiesa e alle stanze dei monaci. DSCN1434 C’è una pace rassicurante tra quelle mura e ci sembra un pò di essere stati catapultati al di fuori del mondo civilizzato…proprio una piacevole sensazione!

Lasciamo Zangarolo per avviarci alla nostra…

DSCN1459…seconda tappa: Monastero di Gouverneto

Parcheggiamo l’auto fuori dal monastero per DSCN1460visitarlo e per poter intraprendere poi la nostra passeggiata verso la terza tappa della gita. L’abbazia fortificata di Gouverneto risale al 1537 e l’atmosfera che la circonda è davvero unica! Totalmente immersa in un ambiente selvaggio fatto di gole, erbe selvatiche, colline e sentieri DSCN1462scoscesi che affacciano sul mare, Gouverneto vale sicuramente il viaggio fino a qui.

Da lì inizia la nostra scarpinata verso la

DSCN1467terza tappa: Chiesa rupestre della Madonna dell’Orso (Panagia Arkoudiotissa)

Dopo circa 15 minuti di camminata attraverso un accessibile sentiero che sembra si butti a DSCN1463 capofitto sul mare da un momento all’altro, mentre ci godiamo il rincuorante sole greco, i profumi delle erbe aromatiche che riempiono il paesaggio e la pungente brezza di marzo, raggiungiamo la vasta grotta in cui, incastonata nella pietra, vediamo la minuscola e DSCN1470singolare chiesetta della Madonna dell’Orso, che deve il suo nome alla grande stalagmite presente all’interno della grotta stessa che ricorda la forma di un orso e alla leggenda ad essa legata: si dice che un orso gigantesco minacciasse la vita dei monaci della cappella bevendo tutta l’acqua del loro pozzo, finchè un giorno, dopo le loro preghiere alla Madonna perchè li liberasse dalla bestia feroce, avvenne il miracolo e l’orso venne tramutato in roccia! Le leggende hanno sempre il loro fascino, o no ;-)?

DSCN1485Arriviamo infine alla quarta e ultima tappa della nostra gita, nonchè il motivo principale per cui oggi abbiamo deciso di allenare un pò i muscoli delle gambe: il Monastero di Katholikò.

Che dire…qualcosa di indimenticabile!

Realizzato nel X secolo d.C. da San Giovanni, di questa spettacolare struttura oggi possiamo ammirare l’entrata con un bellissimo portale a capitello, la facciata della chiesetta incastonata sulla montagna e un maestoso e larghissimo ponte che un tempo ospitava gli alloggi dei monaci.DSCN1481

Dalla grotta dell’orso sono altri 20 minuti a piedi per giungervi, attraverso un sentiero ripido che termina con una scalinata che sembra sospesa nel vuoto!

DSCN1489La parte sicuramente più affascinante della storia che racconta la vita di questo monastero è quella che parla di pirati: sembra infatti che questi ultimi avessero ben presto scoperto l’approdo nella spiaggia a mezz’ora di camminata a sud del convento, costringendo i poveri monaci, dopo innumerevoli attacchi e saccheggi subiti, ad abbandonare Katholikò e a trasferirsi nel più sicuro Gouverneto.

DSCN1499Dopo un servizio fotografico completo, un pranzo al sacco ai bordi del ponte e un pò di relax nel silenzio assoluto di questa valle, disturbato solo dal belare e dal campanaccio di alcune caprette, risaliamo verso l’auto, con non poca fatica, ma…che giornata ragazzi! Da rifare assolutamente, magari arrivando fino al mare la prossima volta!

Vi va di venirci con noi ;-)?

DSCN1490

Clicca sulla mappa per scoprire dove si trovano le mete di questo articolo